Cosa fa di mestiere un grafico? Sei sicuro di conoscere la risposta? #1

Se sei un grafico ti capiterà spesso quando conosci persone non del mestiere, ma purtroppo ti capiterà anche con qualche azienda che dovrebbe avere ben chiaro di cosa ti occupi, che ti facciano la domanda: “ah ok fai il grafico pubblicitario? Fai la pubblicità o i siti internet?” o ancora ti potrà capitare che qualcuno ti possa chiedere se disegni grafiche personalizzate sulle taniche delle moto o ancora che visto che fai il “disegno del sito come mai non me lo fai funzionare tu stesso scrivendo tutti quei codici strani che usate voi grafici che fate siti”?

Forse il modo migliore per definire gli ambiti del graphic design potrebbe essere quello di definire cosa NON è un graphic designer.

  • Un graphic designer non è un fotografo.Uno dei compiti del graphic designer è quello di lavorare con le immagini, nella fattispecie con le foto, per cui deve avere una cultura fotografica anche di carattere tecnico che gli possa permettere di fare scelte consapevoli.Non è necessario che sappia scattare una buona foto ma è fondamentale che sappia cosa fa di una foto una buona foto, è necessario che sappia che anche l’utilizzo di una focale diversa può produrre sensazioni diverse, è necessario che conosca le regole della composizione ed è necessario che sappia cosa è un fisheye e cosa è una lunghezza focale o un banco ottico, e poi cosa è un primo piano o un piano americano o cosa sono le figure retoriche applicate alle immagini.
  • Un graphic designer non è un un programmatore.Nel web design spesso si confonde la figura del designer con quella del programmatore, volendo essere sintetici, il programmatore è quella figura professionale che si occupa di far funzionare il sito web, si occupa cioè di scrivere quei codici html, css, php ecc. che fanno sì che il sito possa essere navigabile, che ci possa essere un modulo che una volta compilato possa inviare una mail, si occupa anche di fare in modo che le pagine si possano adattare a diversi tipi di dispositivi, si occupa di progettare e far funzionare un database.Il graphic designer si occupa invece di tutto quello che l’utente vede quando si trova davanti la pagina, quindi deve possedere nozioni di usabilità, deve sapere cosa è una user experience, deve sapere come organizzare gli elementi sulle pagine in modo funzionale, deve avere anche qualche nozione di css e html e conoscere i problemi che si devono affrontare nella progettazione di un sito web anche dal punto di vista della programmazione e deve avere nozioni di web marketing, non è suo compito impostare una campagna su adWords ma deve sapere che (se non ci sono valide ragioni per non farlo) se all’interno del sito ci sono dei pulsanti call to action sarebbe bene che siano azzurri o arancioni o cercare di evitare il rosso.
  • Un graphic designer non è un’artista.Oggi è un’impresa trovare due persone che non fanno parte dello stesso gruppo di riferimento che ti possano dire cosa è arte e cosa non lo è, ma in termini generali si può dire che un artista crea opere che non si preoccupano di comunicare idee e concetti, può creare opere che comunicano idee e concetti ma non è una regola, può progettare le sue opere ma non credo che la pensino così i quadri di Jackson Pollock.Un graphic designer invece deve sempre comunicare e progettare (la traduzione della parola design in italiano non è “disegnare” ma “progettazione”).Un’altro errore che spesso si commette, soprattutto nella valutazione dei progetti è fare riferimento a un concetto estetico universale non ben identificato, a questo proposito si può citare Philip Kotler (uno dei più autorevoli esperti di marketing vivente se non il più autorevole) che dice che spesso si confonde il design con lo stile, lo stile è tutto ciò che ha a che fare con l’aspetto esteriore e che può essere soggetto a giudizi estetici, è tutto quello che ci fa dire “mi piace o non mi piace”, non si può dire che la grafica non ha a che fare con l’estetica ma non si può pretendere che una pagina progettata per un appassionato di Harley venga valutata da un’appassionata di uncinetto, si può pretendere invece che la coerenza dell’immagine coordinata della Harley sia valutata da un’appassionata di uncinetto a patto che sappia chi è un appassionato di Harley, cosa fa, come si comporta e che cultura visiva ha.

 

Continua…