Ray Gun magazine e la grafica editoriale degli anni ’90

ray-gun

Ray Gun è stato un magazine che si occupava di musica alternativa pubblicato dal 1992 al 2000, fondato da Marvin Scott Jarrett a Santa Monica in California.
Fu disegnato per i primi tre anni da David Carson che, per incapacità (come ama dire lui) o forse per un’innata avversione alle regole della grafica editoriale (ma certamente e volontariamente senza nessuna attenzione per le regole del marketing), gli diede un’impronta del tutto personale che rivoluzionò di fatto la grafica editoriale mondiale.
La stessa impronta venne mantenuta anche dagli altri art director che lo seguirono negli anni successivi come Chris Ashworth, Jerome Curchod, Scott Denton Cardew e Robert Hales.  

La nascita del magazine si inserisce in un particolare clima che si diffuse all’inizio degli anni ‘80 e che portò alla destrutturazione della grafica in generale e della grafica editoriale in particolare, favorita dalla iniziale inesistente volontà di raggiungere grandi tirature. Carson si trovò nel posto giusto nel momento giusto. Il suo modo di lavorare che venne definito grunge, probabilmente sarebbe stato lo stesso anche qualche anno prima, ma il fatto di trovarsi in un periodo storico in cui la sperimentazione era cool soprattutto negli ambiti underground, favorì la diffusione di quel magazine dove la destrutturazione era tale che i testi spesso risultavano addirittura completamente illeggibili.

Questo nuovo modo di intendere il graphic design che poneva al primo posto il divertimento e la sperimentazione a scapito del numero di copie vendute, fu reso possibile in misura rilevante anche dalla rivoluzione digitale.
Venendo meno infatti i limiti della composizione tipografica tradizionale; affermandosi sempre di più la composizione mediante software (prima con QuarkXpress e poi dal 1999 con inDesign), la sperimentazione fu portata a livelli che erano stati già raggiunti in passato negli anni delle avanguardie artistiche, ma che con il computer potevano godere di una velocità mai vista prima.

Una copertina futurista nel 1912 poteva essere composta con lo stesso spirito con cui David Carson componeva le sue pagine per Ray Gun ma con la differenza che una composizione tipografica di una sola copertina futurista in quel periodo poteva richiedere anche giorni, mentre Carson poteva montare e smontare una pagina nel giro di qualche minuto e questo contribuì a dare una notevole spinta alla sperimentazione che fu portata alle sue estreme conseguenze.

filippo-tommaso-marinetti-zang-tumb-tumb-1912

Nelle pagine di Ray Gun il testo viene manipolato a tal punto da diventare esso stesso immagine, la leggibilità non è più una priorità anzi non deve essere neanche una preoccupazione per il grafico, il testo deve prima di tutto suscitare emozioni essere immagine, può non rispettare le gerarchie; un titolo ad esempio può essere scritto con un corpo piccolissimo e il testo dell’artico con un corpo molto grande o con un font addirittura completamente illeggibile.

graphic design ray gun graphic design ray gun graphic design ray gun graphic design ray gun graphic design ray gun graphic design ray gun graphic design ray gun graphic design ray gun

La testata che tradizionalmente è di fatto un marchio, come prima regola della grafica editoriale avrebbe dovuto essere riprodotta in modo identico in tutte le copertine; su Ray Gun questo non avveniva, spesso la testata veniva riprodotta con caratteri diversi e questo funzionava, contrariamente a quello che sosteneva il marketing.

Come detto la rivista chiude i battenti nel 2000 per motivi che mi è stato difficile rintracciare, resta però il fatto che per otto anni, tra estimatori e detrattori, con Ray Gun si è scritta comunque una pagina importantissima della storia della grafica editoriale mondiale.

Se volete saperne (o meglio vederne) di più, è stato pubblicato anche un libro, Ray Gun: Out of Control, che raccoglie il meglio della rivista dal primo all’ultimo numero.

graphic design cover ray gun

graphic design cover ray gun

graphic design cover ray gun

graphic design cover ray gun

graphic design cover ray gun

graphic design cover ray gun

graphic design cover ray gun

graphic design cover ray gun

graphic design cover ray gun

graphic design cover ray gun

graphic design cover ray gun

graphic design cover ray gun

graphic design cover ray gun

graphic design cover ray gun

graphic design cover ray gun

graphic design cover ray gun

graphic design cover ray gun

graphic design cover ray gun